turismo teatrale lecce

Dal sogno al progetto, dal progetto alla performance teatrale

“Ogni tua parola è caduta esattamente dove era attesa da anni.”
(D. Grossman)

La performance teatrale dello scorso 10 aprile, il nostro primo passo

Martedì 10 aprile nello spazio del Museo Faggiano di Lecce, Artéteca ha preso vita.performance teatrale lecce
Con la performance teatrale “Lecce è donna”, l’attrice Concita Brunetti ha fatto rivivere tre donne che hanno raccontato le diverse anime della città:

  • La sfera del sacro con la figura di Sant’Irene;
  • L’animo più romantico con la leggenda di Sibilla;
  • La forza del potere con l’imponente figura di Maria D’Enghien.

Lecce non solo barocca ma dalle mille sfaccettature, dai molti livelli di lettura storica, culturale e leggendaria, così come le diverse stratificazioni che caratterizzano il luogo scelto per questa prima performance, il Museo Faggiano.
Tutto quello che Artéteca ha prima sognato, poi ideato e progettato, nell’attimo in cui è diventato cosa viva ha dimostrato che il turismo teatrale è una chiave di accesso privilegiata e preziosa per vivere i luoghi.
La pietra toccata, le mura, lo sguardo sul luogo di Maria D’Enghien che narra la storia, hanno portato tutto il pubblico direttamente nelle diverse epoche delle protagoniste.
Non c’è nessuno più degli stessi protagonisti che possa raccontare in maniera più convincente la propria storia. Questa è la forza vera di Artéteca, la capacità di rendere viva, esperienziale, la storia dei luoghi.

Tante storie per tanti luoghi

arteteca turismo teatraleMa il progetto è appena cominciato, con questo primo incontro abbiamo voluto far conoscere lo spirito e la filosofia che ci muovono, rendere tangibile il nostro prodotto.
Molto il lavoro che ci attende, perché l’obiettivo è quello di aggiungere, ai nostri percorsi narrativi, sempre nuove storie e nuovi luoghi.

La nostra attività si rivolge a tutti gli operatori turistici che hanno già dei percorsi turistici e vogliono sperimentarli in chiave di turismo teatrale, o ancora a quelli che vogliono, insieme a noi, progettarne di nuovi trovando insieme le storie da narrare.

E poi c’è il lavoro con le scuole, dai laboratori agli spettacoli che narrano la storia del territorio.

Il successo della prima presentazione pubblica ci supporta nella convinzione che il turismo teatrale può essere la chiave innovativa per il turismo salentino, e pugliese, lo strumento capace di fidelizzare il turista attraverso un percorso esperienziale. Tutto ciò può trasformare quello che oggi è un successo legato ad un trend del momento, in un’affezione vera di chi sa che qui può sentire l’anima dei luoghi.

Al seguente link il servizio di Telenorba